città
bianco e nero
persone
natura
paesaggi
composizioni
panoramiche
sport
varie
texture
graffiti


 

 




BAVISELA, DINTORNI DI MARATONA

Dove e quando

Dal 26 febbraio al 10 marzo 2011, presso la Sala Giubileo, Riva 3 Novembre, Trieste.
Orario di apertura: dal lunedì al sabato, dalle 16 alle 19.

La mostra fotografica.

Mi sono avvicinata da pochi anni alla Bavisela, non come sportiva, perchè purtroppo non lo sono mai stata, ma come fotografo ufficiale.
Nonostante quindi non sia mai stata un’esperta di percorsi, tempi o materiale tecnico ho avuto comunque la piacevole sensazione di trovarmi subito a casa. Ci si mette davvero un attimo per capire che a Trieste la Bavisela non è una semplice maratona, ma un evento a cui partecipa tutta la città. Che tu sia podista o spettatore, poco importa: la Bavisela c’è anche per te.
Questo perciò è lo spirito che ho voluto trasmettere attraverso gli scatti che ho realizzato durante tutta la manifestazione.

Le immagini che vedrete non sono una raccolta di immagini di persone che tagliano il traguardo, anzi. Non troverete vincitori o vinti. Potrete trovare sorrisi, lacrime o sudore.
Vedrete l’agonismo, ma anche gli sfottò tra gli amici ed il tifo tra compagni di classe. Vedrete cronometri pronti a bloccarsi all’ultimo centesimo di secondo, ma anche parrucche rosso fuoco e monopattini. Ci sarà chi esulta al traguardo, non perchè è arrivato primo tra tutti, ma semplicemente perchè è arrivato.

E poi.. e poi c’è tutto il resto.
Suoni, spettacoli, fuochi d’artificio, applausi, risate, lingue diverse, congratulazioni, scarpe, magliette, bicchieri di carta. Ma soprattutto la gente.

E’ questa, e sarà sempre questa, la grande forza della Bavisela: quella di saper riunire sotto lo stesso spirito, semplice e pulito, migliaia di persone che anno dopo anno porteranno in Italia e nel mondo il nome di Trieste. Spero, nel mio piccolo, di contribuirvi anch’io.

Roberta Radini

L'attività sportiva, connessa all'agonismo, alla  gara, alla cura del corpo, è uno dei fondamenti della cultura mediterranea, dalla civiltà greca in poi. Basti pensare che i giochi sportivi venivano celebrati anche in occasione di commemorazioni funebri (vi ricordate del cerimoniale celebrato per i funerali di Patroclo, indetti da Achille e narrati da Omero nell'Iliade?). Ma esistono anche testimonianze iconografiche, ad esempio nella pittura vascolare e in coeve pitture palaziali che, sebbene frammentarie, presentano una grande vivacità e freschezza narrativa.
Ma lo sport non significa solo volontà di emergere o affermazione della possibilità di confrontarsi con l'altro da sè, con l'antagonista, per contendergli la palma della vittoria, ma è spesso anche convivialità, modalità espressiva, esperienza di vita, strategia utile alla socializzazione, canalizzazione all'accettazione della regola.

In questo senso, la manifestazione BAVISELA (giunta quest'anno alla 18esima edizione), con le sue sezioni non competitive ed il grandissimo spazio dato ai giovani, è un termometro di quelle che sono le esigenze di una società allargata e bisognosa di punti di conferma, che permettano al singolo di ritrovarsi all'interno di una comunità dotata di regole condivise.
Le foto di Roberta Radini sono proprio la testimonianza perfetta di questa istanza sana della società: quella che crede ancora nella solidarietà e nella competizione onesta, nella crescita sostenibile e nella partecipazione a scelte e riti collettivi. Una società che non ha bisogno di nascondersi dietro falsi nomignoli o false identità e che ritrova ancora nella saldatura tra l'adulto e il giovane la motivazione di una storia che è sì capace di guardare al passato, ma anche di pensare al futuro, senza rimpianti e senza sciocca nostalgia.

Alle pareti una ventina di composizioni di medie e grandi dimensioni, dove il colore è indice di un tripudio alla vita, al desiderio di godere della bellezza della natura (natura naturans e natura naturata, cioè paesaggistiche e architettoniche). Non mancano i dettagli curiosi come la bottiglietta d'acqua o il primo piano di un volto che esprime stanchezza, tripudio o partecipazione sfrenata. I visi dei bambini sono i più teneri, le immagini della folla le più coinvolgenti.

Roberto Vidali
 

 
 
 
» Servizio TG TeleQuattro (febbraio 2011)

Presentazione della mostra "Bavisela, dintorni di Maratona".
   

» Intervista sul sito ufficiale Bavisela (febbraio 2011)

Presentazione della mostra "Bavisela, dintorni di Maratona".

   
 
» Intervista su RadioAttività (febbraio 2011)

Presentazione della mostra "Bavisela, dintorni di Maratona".